Minuto Maria Elena

mariaelenaminuto@gmail.com


Dottore di ricerca in Teoria e Analisi del Testo presso l’Università degli Studi di Bergamo, Maria Elena Minuto è ricercatrice alla KU Leuven e all’Université de Liège. Specializzata in Storia dell’Arte Contemporanea, i suoi studi si concentrano sull’opera del poeta e artista belga Marcel Broodthaers, sulla poesia concreta e visiva e sulle pubblicazioni d’artista della neoavanguardia. A questi argomenti ha dedicato saggi, convegni e presentazioni tra cui: "Material and Visual Poetics. The Italian and Belgian Neo-Avant-Garde Art of Publishing" (Éditions du Centre Pompidou, Paris, 2019), Embodied Words. Concrete & Visual Poetry in Italy and Belgium in the 60s and 70s (con D. Colucci, IIC Bruxelles, 2018), More Than Just Signatures: Marcel Broodthaers and Piero Manzoni (M HKA, Anversa, 2017). Dal 2015 al 2018 è stata co-curatrice del progetto “a due”. Arte Contemporanea in Italia e Belgio promosso dall’Istituto Italiano di Cultura di Bruxelles (cat. Edizioni Prinp, Torino, 2018) e dal 2010 al 2014 è stata assistente di storia dell’arte presso la Nuova Accademia di Belle Arti (NABA) di Milano. Ha scritto per doppiozero e alfabeta2 e presentato le sue ricerche all’Université Libre de Bruxelles, all’Universidade de Lisboa e alla Fondation Biermans-Lapôtre di Parigi. Attualmente lavora al progetto di ricerca Concrete and Visual Poetry: Artists’ Publications and/as Connections with Italy and Belgium in the 60s and 70s e all’organizzazione di un convegno internazionale dedicato all’erotismo poetico negli scritti metagrafici lettristi e nelle poesie concrete e visive degli anni Sessanta e Settanta.


Saggi

Quando la scrittura artistica si costruisce e definisce dall’interno: Susan Sontag e Carla Lonzi (narrazione/narrazioni)


Marcel Broodthaers: l’artista degli anagrammi nascosti (Il segreto)